Arcieri - Mont'e Prama

Arcieri Non abbiamo teste ben conservate, dobbiamo ipotizzarle simili ai volti dei guerrieri.
IL VOLTO
IL CORPO Gli arcieri sono raffigurati con la mano destra levata in alto in atteggiamento
di saluto rituale e la sinistra che tiene l’arco che poggia sulla spalla.
Indossano una corta tunica
che lascia scoperta parte
delle cosce e sono protetti
da un’armatura.
LE VESTI
Le gambe sono separate e si congiungono ai piedi, che sono nudi e paralleli, saldati alla base. LE GAMBE VEDI I MODELLI 3D

Arcieri

La tipologia rappresentata è quella dell’arciere orante ben conosciuta dai bronzetti.

È al confronto con i bronzetti, infatti, che ci rivolgiamo per le ricostruzioni delle parti mancanti. Non abbiamo purtroppo teste ben conservate, dobbiamo ipotizzarle simili ai volti dei guerrieri.

Il busto ricco dei dettagli delle trecce e della placca protettiva e il fronte dell’arco della statua dell’arciere detto “Prexiau” esposta al Museo archeologico nazionale di Cagliari.
Bronzetto raffigurante un arciere. Baunei, località sconosciuta.
Alcune statue di arciere dopo il restauro
La testa attribuita all’arciere detto “Compoidori” esposta al Museo civico Giovanni Marongiu di Cabras.
Particolare del torace della statua di arciere detto “Cabillu”, evidente la placca in rilievo della corazza. La statua è esposta al Museo civico Giovanni Marongiu di Cabras.
Particolare delle gambe della statua di arciere detto “Cabillu”, evidente il dettaglio decorativo della finitura degli schinieri. La statua è esposta al Museo civico Giovanni Marongiu di Cabras.

L’atteggiamento è quello del saluto, con il braccio destro levato in alto all’altezza del gomito e la mano sollevata nel gesto di saluto/devozione/offerta.

Con la sinistra l’uomo tiene l’arco che poggia sulla spalla, la mano è protetta da un guanto ornato con motivi a zigzag a rilievo, che lascia libere le dita. L’avambraccio è difeso da una guaina di stoffa o di cuoio, resa da una fitta rete di triangoli incisi.

L’arco ha una corda grossa e, sulla parte frontale, una piccola fascia a rilievo che corre su tutta la sua superficie.

Il braccio accuratamente rifinito della statua dell’arciere detto “Prexiau” esposta al Museo archeologico nazionale di Cagliari.
Il busto ricco dei dettagli delle trecce e della placca protettiva e il fronte dell’arco della statua dell’arciere detto “Prexiau” esposta al Museo archeologico nazionale di Cagliari.

Gli arcieri, sul cui petto cadono spesso delle lunghe trecce, indossano una corta tunica che lascia scoperta parte delle cosce e sulla quale pende una placca pettorale quadrata con i lati concavi: delle triple stringhe reggono il pettorale e un motivo a fitte linee orizzontali lo completa.

I polpacci, invece, sono ben protetti da schinieri, che lasciano il piede nudo; in taluni casi tale armatura è decorata sul retro da fasce di motivi a spina di pesce orizzontali, in altri casi invece sul retro sono rappresentate le stringhe che chiudono lo schiniere con profilo a otto.

Sul davanti la protezione dell’armatura sale oltre il ginocchio e termina con una bretella fin sotto la tunica. Gli arcieri hanno piedi nudi e paralleli sulla base, le gambe non sono unite ma separate e si congiungono ai piedi.

Gli arcieri in 3D