Scoperte e scavi - Mont'e Prama

Slide Luoghi misteriosi riemergono
dal passato per raccontarci
le loro storie.
keyboard_arrow_down

Slide Storie di guerrieri, arcieri, pugilatori
Storie di nuraghi e pietre sacre.

One Gli aratri dei contadini hanno messo
in luce casualmente ciò che la terra custodiva.
Uomini umili ci hanno rivelato un passato glorioso
che ancora cerchiamo di comprendere.
Scoperto casualmente nel marzo del 1974, il sito archeologico di Mont’e Prama è stato oggetto di diversi interventi di scavo e recupero tra il 1975 e il 1979 e, in tempi più recenti, tra il 2014 e il 2017.

Le campagne di scavo condotte fin dagli anni Settanta nel sito archeologico di Mont’e Prama hanno portato alla luce circa diecimila frammenti di pietra che, a tutt’oggi, compongono il noto complesso scultoreo di Mont’e Prama. Si tratta di un materiale immenso e indefinito: negli scavi si rinvengono continuamente nuovi frammenti che devono essere documentati e restaurati prima di poterli eventualmente attribuire a sculture distinte.
Le sculture sono state scolpite in una pietra calcarea, tenera e di color chiaro, proveniente da cave localizzate probabilmente nella zona di Santa Caterina di Pittinuri, distanti dal sito circa sedici chilometri in linea d’aria. La maggior parte dei betili e almeno la parte basale di un grosso modello di nuraghe sono in arenaria proveniente dalla costa occidentale del Sinis, distante circa cinque chilometri.
Le sculture erano ricavate ognuna da un singolo blocco di pietra e scolpite a tutto tondo, per essere viste da tutti i lati, anche dalla parte posteriore, come si può evincere da alcuni dettagli presenti nel retro.

Il materiale restaurato e gli ultimi ritrovamenti in attesa di restauro sono esposti al pubblico nel Museo archeologico nazionale di Cagliari e nel Museo civico Giovanni Marongiu di Cabras.

Gli attuali programmi d’indagine mirano ad ampliare l’area di scavo per chiarire l’organizzazione del luogo e le vicende del lungo arco di tempo che va dall’impianto della necropoli alla formazione del complesso scultoreo, fino alla sua distruzione.

Slide SCOPERTA E SCAVI Le prime campagne di scavo L’area di Mont’e Prama corrisponde a una altura di forma vagamente ellittica, di tipo calcareo. LEGGI Slide SCOPERTA E SCAVI La campagna di scavo
del 2014
Il 5 maggio del 2014 riprendono dopo più di trent’anni le indagini archeologiche a Mont’e Prama LEGGI
Slide SCOPERTA E SCAVI La campagna di scavo
del 2015-2016
Nel mese di maggio del 2015 la nuova campagna di scavo diretta da Alessandro Usai. LEGGI
Slide APPROFONDIMENTI Gli scavi del 2014 Il 5 maggio del 2014 ripresero dopo più di trent’anni le indagini archeologiche a Mont’e Prama LEGGI Slide APPROFONDIMENTI Gli scavi del 2015-2016
Nel periodo compreso tra maggio 2015 e dicembre 2016 la Soprintendenza ha avviato una nuova campagna di scavi LEGGI
Slide MEDIA Ora e allora, intervista a Carlo Tronchetti L'archeologo Carlo Tronchetti racconta l'emozione del ritrovarsi a Mont'e Prama quarant'anni dopo la sua campagna di scavo del 1979. VEDI
ARGOMENTI